La soluzione della più grave emergenza sociale ed economica, dalla fine della seconda guerra mondiale in poi, passerà inevitabilmente attraverso la vaccinazione di massa della popolazione; non si può immaginare un ritorno alla vita normale diversamente. Il Ministero della Salute, nell’incontro con il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (FNOMCeO), con il Presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale e con i sindacati, ha dato il via libera coinvolgendo i circa 60.00 odontoiatri italiani nel progetto vaccinazione.


Da parte nostra, a nome di tutte le CAO, Commissioni per gli iscritti all'Albo Odontoiatri degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri, della Regione Toscana, intendiamo assicurare la massima disponibilità circa il coinvolgimento dei Medici Odontoiatri nella imminente campagna vaccinale di massa. Come gli specializzandi e i medici del territorio (Medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta, Specialisti ambulatoriali), gli Odontoiatri, ci auguriamo, vorranno dare il loro contributo e sostegno sulla base dei protocolli condivisi con il Ministero e poi con i dirigenti della Regione Toscana e delle Asl territoriali.


Ribadiamo il nostro dovere etico-morale di essere a disposizione delle autorità e consentire al nostro Paese di superare la crisi sanitaria. Nessun medico può tirarsi indietro: tutti dobbiamo fare la nostra parte per uscire dalla pandemia. Abbiano già dimostrato in questa emergenza senso di responsabilità e solidarietà: nei primi mesi della Pandemia gli odontoiatri hanno deciso, riducendo l’attività clinica in elezione con l'adesione al #io resto a casa#, di continuare ad erogare prestazioni a carattere d’urgenza con il duplice scopo di continuare ad assistere i Cittadini-Pazienti e insieme di non gravare sul Sistema Sanitario Regionale, già provato dalla diffusione del virus sars-cov2.
Non può non andare il nostro pensiero ai caduti in questa nuova ultima guerra (337 al 12 marzo, tra cui anche odontoiatri). Ricordarli e dedicare a loro un po del nostro tempo penso sia una cosa buona e giusta.
Nei prossimi giorni avrete notizie più dettagliate circa le modalità di adesione a tale iniziativa, sia dal punto di vista logistico, della formazione, medico-legale e assicurativo.


Infatti sarà fondamentale lavorare con la necessaria serenità, anche alla luce degli ultimi avvenimenti legati alla somministrazione del vaccino Astra Zeneca e in tal senso va vista la richiesta della Fnomceo di uno "scudo penale"per i medici vaccinatori.


Intanto mi appello alla vostra sensibilità per considerare l'adesione al progetto vaccinazione un contributo alla salvaguardia della salute pubblica, un riconoscimento alla nostra professionalità di medici odontoiatri che tutti i giorni compiamo atti medici.


Possiamo riconoscerci ancora una volta come dentisti di famiglia, nella nostra unicità del rapporto col paziente, legato anche alla salvaguardia della salute pubblica, dalla prevenzione, alla diagnosi precoce, alla terapia e al mantenimento, sempre presenti sul territorio.

 

Il Presidente Commissione Albo Odontoiatri di Siena
Dott. Antonio Natale

torna all'inizio del contenuto