Pubblichiamo di seguito il comunicato stampa diffuso della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.

Fissare subito una nuova data per il concorso di accesso alla formazione specifica in Medicina Generale, dando a tutti la possibilità di poter partecipare al concorso aggiornato con le nuove borse.

A chiederlo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo), che ha avuto notizia dell’intenzione, da parte delle Regioni, di confermare la data del 25 settembre e fare poi scorrere la graduatoria dopo aver inserito le borse aggiuntive. Un’ipotesi, questa, che va nella direzione opposta a quanto auspicato dallo stesso Ministro della Salute Giulia Grillo che, dopo aver ‘portato a casa’, il primo agosto scorso, 860 borse aggiuntive per la Formazione in Medicina Generale, aveva, il 10, invitato la Conferenza delle Regioni a riaprire i bandi, “al fine di rendere noto l’incremento dei posti messi a bando e delle relative borse di studio, per evitare una esposizione ad eventuali contenziosi”.

“La proposta delle Regioni di confermare la data senza riaprire i termini creerebbe un’ingiustizia nei confronti dei colleghi, soprattutto i neo abilitati, ai quali viene impedito di poter concorrere scegliendo la Regione con un maggior numero di borse disponibili” commenta il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli.

“La preoccupazione – continua - è quella che il concorso possa essere oggetto di ricorsi, con il rischio di bloccarlo e vanificare il risultato raggiunto con l’aumento delle borse, collassando da duemila borse fruibili a zero. Un rischio che l’Italia non può permettersi: i nuovi medici di famiglia così formati termineranno il corso nel 2021, quando già la carenza di questi professionisti si farà sentire in modo pesante”.

“Facciamo nostre le preoccupazioni dei candidati, dei neolaureati, dei colleghi della Fimmg – conclude Anelli – e invitiamo le Regioni a dare attuazione alla volontà espressa dal Ministro Grillo di riaprire i bandi. Comprendiamo le difficoltà burocratiche e anche logistiche delle Regioni nell’individuare una nuova data – e dunque nuove sedi – per il concorso e chiediamo loro un supplemento di sforzo, che sarà ben ripagato dalla gratitudine dei giovani colleghi, che potranno finalmente completare la formazione in numero adeguato, e dei cittadini, che non pagheranno il prezzo di programmazioni passate miopi e inefficaci”.

Nell’ambito dell’attuazione della legge regionale n.50/2016 che ha introdotto delle modifiche alla 51/2009, la regione Toscana ha emanato un decreto che prevede l’adeguamento ai requisiti di esercizio per tutte le strutture sanitarie e per tutti gli studi medici e odontoiatrici che a suo tempo hanno presentato la DIA poi diventata Scia (Decreto del Presidente della Giunta Regionale- n.79R del 17/11/2016).

L’attestazione del possesso dei requisiti di esercizio previsti dal DPGR n.79R deve essere fatto in maniera informatica tramite collegamento alla piattaforma STAR nel portale della Regione Toscana ed in un primo momento aveva come scadenza il 31/3/23018.

Attualmente siamo in attesa di una semplificazione all’utilizzo della piattaforma e la Regione ci ha fornito un manuale di esercizio, di seguito pubblicato, che prevede l’ingresso tramite la tessera sanitaria attivata e la firma digitale a completamento. Proprio sulla firma digitale speriamo in una semplificazione nel senso che possa essere sostituita da una forma alternativa di riconoscimento. Infatti, senza di essa, al momento, non riusciamo a concludere la pratica e rimaniamo senza la ricevuta dell’avvenuta trasmissione dei dati richiesti. Ovviamente chi fosse in possesso di tale strumento oppure volesse servirsi di un professionista munito di firma digitale (geometra, commercialista ,etc.) può completare tale pratica.

Questa nuova modalità informatizzata permetterà di censire in modo preciso tutti i soggetti che erogano prestazioni sanitarie sul territorio toscano rendendo più diretto e agevole il rapporto tra questi, gli Ordini, la Regione Toscana e dotando i professionisti di uno strumento che renderà più agile ogni eventuale successiva procedura amministrativa.

 

pdf Manuale per SCIA (1.09 MB)

 

Pagina 1 di 2

©2018 Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Siena
Piazza Fabio Bargagli Petrucci n. 18 Siena Toscana 53100 Italia
C.F. 00170770523

 Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa.

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.